Finalmente, grazie all’installazione di una tenda da sole di Tende Da Sole di Emidio Pisu i vostri mobili possono uscire allo scoperto. Sole, pioggia e vento non sono più da temere.

Sempre più ambito da aziende che già producono arredi per interni, il settore dedicato ai complementi per giardini e balconi è in rapida crescita: un recente studio di Pambianco ha rivelato infatti che nel 2017 le prime realtà specializzate nel segmento (Nardi, Emu Group, Paola Lenti e Talenti) hanno registrato un incremento del 15 per cento sul 2016, passando da un fatturato complessivo di 112 milioni di euro a quota 128 milioni.

Sistemi di sedute componibili, tavolini sospesi, pieghevoli e allungabili, arredi impilabili dalle dimensioni compatte sono le scelte predilette da chi non ha moltissimo spazio a disposizione. Mentre i più fortunati possono optare per grandi sedute accoglienti: come accade per l’indoor, la tendenza è quella di poltroncine e divani caratterizzati da schienali avvolgenti dove rilassarsi, leggere e magari lavorare. Le strutture a guscio, chiuse come un abbraccio, regalano infatti quella sensazione di privacy difficilmente ritrovabile altrove all’aria aperta.

Importante quanto dentro casa, l’illuminazione gioca poi un ruolo centrale: lanterne, lampioni, applique da pareti non solo servono a donare luce nelle ore notturne ma a creare atmosfere suggestive per godere dei dehors anche di sera, magari per un aperitivo al tramonto o un barbecue sotto le stelle.

Perché dunque restare a guardare? Tra le aziende che puntano sull’outdoor c’è ad esempio Flexform che ha lanciato al Salone del mobile la prima collezione per esterno, coordinata dall’architetto Antonio Citterio.

«Sempre più verande e terrazze, di grandi o piccole dimensioni, sono diventate ambienti dei quali godere pienamente in ogni stagione, quasi un’estensione dello spazio living e dunque assolutamente meritevoli della stessa cura nella progettazione», commenta Matteo Galimberti, membro del CdA e direttore vendite Italia per l’azienda di Meda che già in questi ultimi anni ha avuto l’occasione di misurarsi con la realizzazione di alcuni progetti speciali, per yacht e resort.

«Lo stile di vita contemporaneo è caratterizzato da stress e sedentarietà e questo conduce ad un maggiore apprezzamento per le attività all’aria aperta», osserva Galimberti. Vivere en plein air è, per noi generazione indoor, un grande lusso; ma il design, vigile sul mondo, è maturo per rispondere a gran voce a questa esigenza sempre più manifesta dell’abitare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.